domenica 24 febbraio 2008

Perchè sto con Beppe Grillo


Premetto che Beppe Grillo lo seguo da sempre,almeno da quando smise i panni del testimonial dello Yogurt e iniziò a parlare tra i denti sulle magagne schifose del regime, che in qualche modo pur lo nutriva, come da antica consuetudine riservata ai giullari di Corte.

Ebbi modo di vederlo e sentirlo più volte a Montichiari c/o Palageorge, in una occasione era il 1996 mi pare, addirittura scambiai qualche frase con lui che, solo soletto.. sembrava un barbuto alternativo da parcheggio, distribuiva, prima di salire sul palco,manifestini per la libertà di informazione, in cambio di mille lire...

Ho sempre ammirato in quest'uomo, che pur non è esente da colpe e sbagli, la corrosiva dialettica condita dall'aspro accento ligure elevato dal tono penetrante e acuto della sua voce, che se un grillo umano avesse voce non potrebbe essere diversa.

Grillo è un giullare che partito da comico, a forza di irridere e scoprire quasi per gioco le malefatte del regime democratico italiano che ci governa da oltre 60 anni, si è , ad un certo punto , com'era inevitabile, imbattuto nelle sofferenze, ingiustizie e morti causate da quella che ora, con voce cambiata in minaccia stridente, chiama La Casta.

Grazie al potere speciale che gli deriva dal suo status, può dire anzi strillare la verità o almeno pezzi di essa, che se ci provasse uno qualsiasi di noi, sarebbe già in prigione e dimenticato.

Appoggio e condivido la sua dichiarazione per il NON voto, invito gli amici a fare altrettanto.

O in alternativa, propongo il sabotaggio della farsa elettorale del 13 aprile 2008 magari pretendendo l'applicazione certosina del regolamento elettorale che prevede un metodo astensivo,che garantisce di essere percentuale votante ,quindi non delegante, ma consente di non far attribuire il proprio non-voto al partito di maggioranza.
E` infatti facoltà dell'elettore di recarsi al seggio e una volta fatto vidimare il certificato elettorale,avvalersi del diritto di rifiutare la scheda,assicurandosi di far mettere a verbale tale opzione.
E'possibile inoltre, allegare in calce al verbale, una breve dichiarazione in cui se vuole, l'elettore ha il diritto di esprimere le motivazioni del suo rifiuto(es. nessuno degli schieramenti qui riportati mi rappresenta).
Questo oltre a rallentare e rendere difficoltose le operazioni di voto e scrutinio, è obbligatorio compilare infatti per ogni scheda rifiutata un apposito verbale, rende inattribuibile il voto, in quanto la legge consente solo l'attribuzione delle schede contenute nell'urna al momento dell'apertura della stessa,creando una discrepanza tra percentuale votanti e voti attribuibili e di conseguenza un problema di difficile, se non impossibile attribuzione,specie se il fenomeno raggiungesse quote notevoli, di seggi, infatti in linea teorica , non si hanno precedenti , se la quantità di schede rifiutate raggiungesse la quota di voti necessaria per l'attribuzione di un seggio, tale seggio non potrebbe essere attribuito.

Altra buona mossa sarebbe invalidare la scheda con scritte a pennarello tipo: No guerra ,no scie chimiche, no haarp, no signoraggio, no Nwo, no chip e così via, le voci non mancano.

In questo caso si otterrebbe la scheda nulla ma l'effetto del bombardamento a colpi di lapis colpirebbe sopratutto i quasi innocenti scrutatori, che sono l'ultima ruota del carro elettorale, come sappiamo.

Bene, non importa come, fate voi, ma raggiungere lo scopo giustifica i mezzi ... non è mai stato imperativo come ora, per chi vuole opporsi davvero alla soffocante Casta che con i suoi sgherri azzeccagarbugli e bravacci servi ci imprigiona sfrutta deruba imbroglia deride e alla fine ci manganella pure..

Lo scopo ovviamente è far saltare questo bubbone che impesta la nostra povera Italia.

Il sabotaggio elettorale,seguito due settimane dopo, a botta ancora calda, da un oceanico
V-Day 2 che come previsto si terrà il 25 aprile, simbolico giorno della Liberazione potrebbe davvero far crollare il gigante con i piedi d'argilla in modo spettacolare, ma si spera , incruento, finalmente... e dare così il via alla Ri-evoluzione nel nostro Paese.

Quindi, pur con i dovuti distinguo e dopo aver votato la sinistra alternativa, che mi ha deluso e tradito, ora stò con Beppe Grillo e il suo movimento, che vedo come l'unica Cosa nuova in grado di incidere profondamente anche grazie a nuovi modi di inter-comunicare sulla poli - tica , ovvero etica del cittadino... questo ricordiamolo è il vero significato della parola Politica tanto travisato da coloro che se ne sono impossessati con l'arte e con l'inganno.





5 commenti:

Nekradamus ha detto...

Sono pienamente daccordo con te Claus. Su tutta la linea!

clausneghe ha detto...

Ciao grande Nekra, nobile demone... mi fà piacere trovare il tuo consenso..Un saluto da claus

bianchina ha detto...

Grazie Claudio,mi hai dato uno spunto interessante che non conoscevo in alternativa al non voto..a presto!
Bianca

clausneghe ha detto...

Bianca..sei la Bianca che intendo io? Sciarra? Ciao

corrado ha detto...

per me girllo si è venduto o è stato ricattato o ...
non si puo' parlare nè di scie chimiche nè di signoraggio sul suo forum

consiglio la lettura dell'articolo su grillo comparso sull'ottimo blog
ilnautilus

 
http://www.net-parade.it/images/blogspotcom2.png